Stampa

articoli da 1 A 4 su 4

“Abbiamo trasformato un momento difficile in un’opportunità”

01 giugno 2020 - Libertà - Eleonora Bagarotti

È un fiume in piena, il maestro JacopoDiTonno.Sarà che nel presentare la nuova rassegna virtuale a cura del Dipartimento archi e corde del Conservatorio cittadino, gli ricordo che, proprio oggi, il Nicolini riapre i battenti. Gradualmente, è vero, ma con speranza e attesa per un futuro di normalità. «È inutile pensare sempre al peggio, sarebbe assurdo, soprattutto ora, che la nostra categoria è tra quelle che devono rialzarsi con maggiore forza, energia, ottimismo», ammette Di Tonno.
Intanto, venerdì prossimo inizia la nuova rassegna virtuale “Incontri in musica”, che ospiterà quattro stelle internazionali della musica: Simonide Braconi, Antonio Rugolo, Fabio Biondi e Enrico Dindo. Il maestro Di Tonno, a sua volta concertista di fama, è docente di violoncello al Nicolini e si fa portavoce per illustrare l’iniziativa. «È nata sull’onda del bellissimo progetto delmaestro Davide Cabassi e di alcuni colleghi pianisti che insegnano al Nicolini», precisa il maestro.


Partitura di Charme

01 aprile 2018 - Enjoy Como - Davide Cerati

Intervista a Francesca Dego Socio Onorario del "Gravedona Chmaber Music Festival"


Francesco Cilea Chamber Music

23 ottobre 2015 - Fanfare - Henry Fogel

The cello sonata is an early work (the composer was 22) and the highlight is the lovely second movement, a romanza marked Largo doloroso , and played here with great tenderness and sensitivity by Tonno and Codispotti. The piano trio is perhaps the most mature of the three works here in terms of its construction, but it too has the breath of fresh inspiration about it.


“F. Cilea” Cello Sonata

07 novembre 2014 - Expedition Audio - Paul Ballik

Opening the program is the Cello Sonata in D, played beautifully by Italian cellist Jacopo Di Tonno, with a luscious, honeyed tone that extends from top to bottom of his instrument's range. The piece has a distinctively beautiful central movement titled doloroso - somber and plaintive, it's exquisitely evocative.